Archivio di Agosto 2010



#01 Videogame for dummies: senza topa non nasce il videogioco

Dr. Klaude, Venerdì 27 Agosto 2010 @ 11:03

L’ultima volta avevo lasciato in sospeso qualche domanda; ok, è passato un po’ di tempo ed è lecito non ve ne ricordiate. Di certo non starò a ripeterle, disponete di un internet, dunque sono lì a due click di distanza. Una di queste però costituisce il cardine del racconto che segue, nient’altro che la storia della nascita del videogioco. No, non è vero, per quella se vi interessa posso al massimo consigliarvi un libro . Il racconto è invece quello degli albori dell’industria del videogioco statunitense. In fondo non ci si allontana molto dalla storia del videogioco, ma una delle domande che è lecito porsi in questa ottica è questa: come ha influito la castità delle ragazze mormoni sull’industria del videogioco americana? (Indizio: Nolan Bushnell chi?)

Continua »


[GC 2010] Giusto perché scrivere in aereo è una figata…

LPf, Sabato 21 Agosto 2010 @ 13:23

Soprattutto con quel PC mininano stylish e quel caffé lungo dal retrogusto al merdao.
Sarà il pezzo, credo, più ai margini che AiMargini abbia mai visto, invero, penso seriamente che nessuno abbia vissuto così ai margini una fiera. Nella storia delle fiere…

Continua »


“Odissea” nello Stagno

Esulo, Martedì 3 Agosto 2010 @ 11:35

Scrivo questo articolo per due motivi.
Il primo è che mi conviene: avevo preparato un budget-barbone di 100 euro da donare ad Aries in cambio del restyling del mio blog e, sorprendentemente (per me), Aries ha rifiutato di essere pagato e ha proposto, piuttosto (a proposito, “piuttosto” ha valore avversativo, non disgiuntivo – lo dico perché pure qui AiMargini l’ho visto usare “male”, e viste le ragioni socio-politiche dietro l’uso “cattivo” del termine mi sono sentito in dovere di specificarlo, ecco) piuttosto, dicevo, ha proposto un baratto: restyling in cambio di un articolo per AM. Visto l’atroce inizio di questo pezzo, sono sicuro che si sia già pentito della scelta.
Il secondo motivo è che AiMargini mi ha cambiato la vita.

Continua »